Ultima modifica: 5 dicembre 2017
> Orientamento

Orientamento

LE INIZIATIVE DI CONTINUITA’ E ORIENTAMENTO
Le attività di continuità prevedono incontri con docenti, genitori ed alunni delle classi quinte della scuola primaria e partecipazione degli stessi alunni a manifestazioni musicali, teatrali e iniziative culturali, allo scopo di creare una sinergia per un graduale passaggio da un ordine all’altro.

Gli alunni della scuola dell’infanzia, della primaria e della secondaria di primo grado saranno i protagonisti di progetti comuni, relativi alle varie aree disciplinari e alla realizzazione di laboratori linguistici, scientifici, artistici e tecnico-pratici.

L’orientamento nella scuola Secondaria di I grado deve promuovere la formazione completa ed armonica del preadolescente chiamato a formulare un progetto di vita e, pertanto, ad operare delle scelte di studio e di lavoro, immediate e future, che saranno possibili soltanto con il possesso di strumenti adeguati, con la chiara comprensione di sé, delle proprie attitudini ed aspirazioni, con la conoscenza della realtà e delle adeguate opportunità formative e professionali.

Gli interventi di orientamento nel 1° Istituto Comprensivo di Nocera Inferiore non si concretizzano solo in una serie di iniziative realizzate nell’imminenza delle scelte legate all’iscrizione nella scuola secondaria di secondo grado o successive agli Esami di Stato conclusivi del I ciclo di Istruzione, ma sono inseriti nell’arco del triennio come educazione consapevole alla scelta come parte integrante del curricolo verticale.

L’orientamento, al fine di renderlo efficace, viene svolto in sinergia con le famiglie, che, attraverso una presenza attiva, seguiranno da vicino i loro figli per intuirne e comprenderne le attitudini, per aiutarli a individuare il loro modello di vita, apportando il contributo della propria esperienza personale e professionale, interagendo con i docenti nell’azione orientativa.

Importanti e fondamentali saranno anche gli esperti nei vari settori, gli altri ordini di scuola con i quali la scuola secondaria di primo grado andrà a raccordarsi, concordando iniziative comuni come per esempio giornate studio per permettere agli alunni di vivere in prima persona una giornata tipo nell’eventuale istituto superiore che intendono frequentare il prossimo anno.

La scuola avrà cura di definire modalità e tempi di monitoraggio a distanza dei risultati nel primo biennio degli allievi in uscita (classi III).